il segno della consacrazione a Maria

L'atto di consacrazione alla Madre del Signore è un'antica consuetudine dei fedeli che affonda le sue radici, le sue motivazioni e il suo significato più profondo, nell'«Ora» pasquale di Cristo. Infatti, in quel momento drammatico e solenne, Gesù ha voluto affidare a vicendevoli cure sua madre Maria e ognuno di noi, rappresentati dall'apostolo Giovanni presente sotto la croce. A partire da quell'«Ora» la storia del cristianesimo è divenuta così la storia del persisten­te rapporto, fatto di reciproca accoglienza ed amore, tra la Madre di Gesù ed ogni singolo credente che a Lei si affida e si consacra, sicuro di trovarvi un potente e materno sostegno nelle avversità come nel quotidiano dell'esistenza, in obbedienza alle ultime volontà del Crocifisso. Maria ha svolto così bene il suo compito educativo/materno nella vita di Gesù, che da quell'«Ora» ci è stata donata come modello ed esempio da amare! L'umile segno dello Scapolare del Carmelo trova dunque il suo valore e il suo significato in questo rapporto materno-filiale e diviene segno di devozione e di consacrazione al Cuore Immacolato di Maria, segno di alleanza e comunione reciproca con la Madre celeste che protegge, assiste ed intercede per i suoi figli. Lo Scapolare rivela dunque come Maria segue le vicende dei suoi figli sempre, ed è presente dall'inizio della loro vita fino al compimento del pellegrinaggio terreno e alla piena glorificazione in cielo, ed esercita un potere particolare a favore di coloro che si sono dimostrati suoi devoti durante la loro esistenza. Questo modo di vivere e di comprendere lo Scapolare del Carmine viene così a stimolare, in ogni devoto di Maria, un'autentica esperienza filiale e un conseguente impegno di vita nella fede e nella preghiera e nell'imitazione delle virtù mariane che produce e favorisce un valido cammino di conversione nella santità. Il "rivestirsi dello Scapolare" porta in definitiva ad approfondire vitalmente la propria identità di figli di Dio ricevuta nel battesimo e a stimolare relazioni piene di affetto, calore, in una parola, di "familiarità" di vita con Maria e di corresponsabilità e solidarietà con la famiglia del Carmelo. Lo Scapolare del Carmine diviene il continuo memoriale e segno meraviglioso di ciò che tutti i carmelitani e le carmelitane, religiosi e laici insieme, sotto lo sguardo dolce e misericordioso della Vergine Madre e Sorella, desiderano e sperano di essere nella Chiesa e nel mondo: fedeli discepoli di Cristo, suoi testimoni e annunciatori, "canali" del Suo amore per tutti gli uomini.

 

 

PREGHIERA

 

O beata Vergine del monte Carmelo,

madre di misericordia e di grazia,

che tanto ami i tuoi figli,

ti ringraziamo di tutti i segni di amore

che ci hai dimostrato,

e in particolare del dono dello Scapolare,

segno della tua materna predilezione.

Ti supplichiamo di aiutarci a vivere

da veri tuoi figli,

fedeli allo spirito di preghiera,

pronti ad accogliere, sul tuo esempio,

le parole di Gesù e metterle in pratica

per poter giungere alla gioia del paradiso

con te, Regina del Carmelo,

Madre del Salvatore,

che vive e regna nei secoli dei secoli.

Amen.

 

Lo scapolare carmelitano